Visitare Cracovia – Le dieci cose da vedere

 

1) Piazza del Mercato

Visitare cracovia piazza

Impossibile visitare Cracovia senza iniziare dal Rynek Glowny, che è la piazza principale di Cracovia ed è una delle piazze medievali più grandi d’Europa. La piazza è sempre viva, sia di notte che d’inverno, ed ospita durante l’anno numerose manifestazione ed eventi che animano la città.

All’interno della piazza sorge maestoso il Sukiennice, l’antico mercato dei tessuti. Durante le opere di ammodernamento della città effettuate durante la dominazione austriaca, l’antico municipio di Cracovia venne parzialmente demolito. Rimane intatto tuttavia il “Wieza Ratuszowa”, ossia la torre campanaria del municipio, che con i suoi 70 metri, offre uno dei migliori panorami della città.

Nella parte nord-est della piazza, si erge la Basilica di Santa Maria, che viene ritenuta una delle più belle chiese di tutto il Paese. Dall’alto della sua torre più alta, ogni ora viene suonata una melodia chiamata “Hejnał”, che ricorda un particolare episodio avvenuto nel 1241 durante una tentata invasione da parte dei Tatari. Il suonatore interrompe bruscamente la melodia in ricordo dell’eroica sentinella che durante l’invasione avvisò l’intera città a costa di perdere la vita, trafitto da una freccia scagliata da un’arco nemico.

2) Basilica di Santa Maria

visitare cracovia

Sul lato orientale della piazza del mercato centrale sorge l’imponente basilica di Santa Maria, che con il suo mix di diversi stili architettonici e la sua grandezza è considerata una delle più belle chiese di tutta la Polonia.

Dietro alla costruzione della basilica si cela una leggenda secondo cui la costruzione delle due torri venne affidata a due fratelli, uno dei quali, geloso dell’altro si rese colpevole di un fratricidio. A questo punto ci sono molte teorie sulla fine dell’assassino, ma la più accreditata narra che si uccise proprio con lo stesso coltello usato nell’omicidio. Per ricordare questo episodio sulle mura del Sukenniece è appeso un coltello che si narra essere lo stesso usato dall’architetto.

All’interno della Basilica è possibile osservare il famoso altare ligneo scolpito nel 1447 dal tedesco Veit Stoss.

3) Mercato dei tessuti

 Visitare CracoviaLa storia del Mercato dei tessuti di Cracovia, chiamato Sukiennice, comincia nel XVI secolo. La sua funzione iniziale era quella di diventare il fulcro del commercio dei tessuti per tutta Cracovia.
A seguito di un incendio, che nel 1555 ha portato alla quasi totale distruzione dell’edificio, il palazzo è stato ricostruito con uno stile rinascimentale che incanta ancora oggi i milioni di turisti che decidono di visitare Cracovia.
Ad oggi, Il palazzo ospita, al piano terra, piccole botteghe che vendono souvenir e prodotti di artigianato, mentre al primo piano prende posto la Galleria di Pittura Polacca del XIX secolo, che ospita una vasta collazione di opere appartenenti alla corrente artistica del romanticismo polacco.

2) Barbacane di Cracovia

Visitare Cracovia

Costruito alla fine del XV secolo, il Barbacane di Cracovia è una struttura sorta dinnanzi alla Porta di San floriano, con l’obiettivo di difendere la città dagli attacchi dei soldati nemici.

Nonostante la cinta muraria sia stata quasi totalmente distrutta, il Barbacane è rimasto in piedi e ad oggi risulta una delle strutture di questo tipo meglio conservate in europa.

La struttura è aperta al pubblico dal mese di Aprile al mese di Ottobre. È possibile per i visitatori osservare il panorama dall’alto delle mura, visitare gli interni del Barbacane e partecipare ai numerosi eventi all’aperto che si svolgono nel cortile interno.

7) Castello reale di Wawel

visitare cracovia wawel

Il Castello Reale si trova sulle rive del fiume Vistola, in cima alla collina di Wawel, ed è collegato alla piazza del mercato centrale dalla ul. Grodka. Il castello è stato la residenza della famiglia reale polacca per più di cinque secoli ed assume quindi una grande importanza a livello nazionale.

La cattedrale adiacente al palazzo reale è il santuario nazionale polacco ed al suo interno sono racchiuse le relique di San Stanislao. La cappella di Sigismondo, con il suo stile archittetonico è considerato uno dei migliori esempi del rinascimento toscano al di sopra delle alpi.

All’interno del castello è presente anche un museo, che dal 2012 ospita  il famoso dipinto di Leonardo da Vinci “La dama con l’ermellino”.

4) Porta di San Floriano

Visitare Cracovia

La Porta di San Floriano, insieme al Barbacane, è l’unica testimonianza rimasta dell’antica cinta muraria di Cracovia che fu distrutta quasi completamente durante la dominazione austriaca.

Punto di incontro fra la tradizionale architettura gotica e quella barocca, la Porta di San Floriano è considerata la porta di ingresso per il centro storico. Attraverso essa infatti, sfilavano i monarchi polacchi che si dirigevano verso il castello di Wawel.

Oggi, nelle zone circostanti alla porta, potrete ascoltare musica tradizionale e perdervi nei numerosi bar, caffè e gallerie d’arte che caratterizzano questa zona del centro storico.

 

5) Quartiere ebraico di Kazimierz

Visitare Cracovia - Kazimierz

Il nome di Kazimierz è un omaggio Re Casemiro III di Polonia che la fondò come città autonoma nel 1335.
Negli anni l’area di Kazimierz divenne parte integrante di Cracovia e si caratterizzò come un quartiere tipicamente ebraico, anche a causa dei trasferimenti forzati avvenuti nel XV secolo. Fino all’avvento del nazismo la comunità ebraica viveva in uno stato di sostanziale pace con la parte cattolica del quartiere, tuttavia durante la dominazione nazista la popolazione di origine ebraica si ridusse drasticamente.
Durante il periodo socialista il quartiere di Kazimierz venne lasciato in uno stato di degrado, tuttavia, dagli anni 90′ si è assistito, anche sulla spinta del celebre film di Steven Spielberg “Schindler’s list”, ad una riscoperta del quartiere che con i suoi bar, i suoi locali e le sue gallerie d’arte è divenuto uno dei centri culturali più importanti della città in grado di attirare i molti turisti che decidono di visitare Cracovia.

8) Santuario della Divina Misericordia a Cracovia – Łagiewnikivisitare cracovia basilica mary

Molti dei turisti che decidono di visitare Cracovia, non sanno che nella parte sud della città, a pochi km dal centro storico, sorge il più grande centro di culto della Divina Misericordia, Il Santuario della divina misericordia di Lagiewniki.

La storia del santuario è strettamente collegata alla figura storica di Suor Faustina Kowalska, religiosa polacca che a partire sin dagli anni 40′ ha iniziato ad essere venerata in tutto il mondo e che ha ricevuto la beatificazione nel 1993 e la canonizzazione nel 2000, entrambe sotto il pontificato di Papa Giovanni Paolo II. Karol Wojtyla ha più volte visitato il santuario ed a lui è dedicato un monumento all’interno della Basilica.

A causa del sempre maggiore numero di pellegrini che ogni anno decideva di mettersi in marcia verso il santuario, negli anni 90′ è iniziata la costruzione dell’imponente basilica che oggi ospita il santuario. Davanti alla struttura, la cui forma è ispirata ad una barca, sorge una torre alta 77 metri, che è ad oggi il punto più alto di Cracovia. La torre è dotata di una galleria panoramica da cui è possibile osservare i Monti Tatra.

3) Museo della fabbrica di Schindler

Visitare Cracovia

Il museo della fabbrica di Schindler è situato a meno di un Kilometro dal quartiere ebraico di Kazimierz e dal fiume Vistola.

Contrariamente a quanto si possa pensare, il museo non è incentrato sulla figura dell’imprenditore tedesco che salvò più di un migliaio di ebrei e che è stato recentemente reso celebre dal film “Schindler’s list” del regista Steven Spielberg. Il percorso allestito all’interno della vecchia fabbrica, infatti, ripercorre la storia della città di Cracovia durante l’occupazione tedesca avvenuta dal 1939 al 1945.

Camminando dentro le sale della fabbrica potrete osservare i cambiamenti avvenuti a Cracovia con l’avvento del nazismo e comprendere a pieno la sofferenza della comunità ebraica durante quei tristi anni.

10) I Tumuli di Cracoviavisitare cracovia

Una particolarità di Cracovia sono i quattro Tumuli che sparsi in varie aree della città, sono una valida alternativa al centro storico per chi decide di visitare Cracovia. I più antichi sono i due Tumuli dedicati al leggendario Re Krakus, fondatore di Cracovia, e a sua figlia la principessa Wanda.  Di costruzione più recente invece sono i tumuli dedicati agli eroi nazionali Tadeusz Kościuszko e Józef Piłsudski. Questi ultimi, con un altezza rispettivamente di 34 metri e 36 metri sono un ottimo punto di osservazione e offrono alcuni dei panorami più suggestivi della città.

 

Ti è piaciuta la nostra guida? Condividila con i tuoi amici.