GMG 2016: la trentunesima edizione della giornata mondiale della gioventù qui a Cracovia

002

GMG 2016 Cracovia

“Un evento fantastico!”, “Mai vista una cosa del genere!”, “Un’ottima opportunità per Cracovia e l’intera Polonia”, “Un bellissimo modo per incontrare persone da tutti i paesi del mondo!” questi sono i commenti dei pellegrini e dei turisti durante la settimana della GMG 2016, la trentunesima edizione di questo evento mondiale. Ogni polacco fiero di ospitare persone provenienti da tutto il mondo e ogni straniero felicissimo per la calorosa accoglienza e di partecipare a quest’evento.
La GMG, Giornata Mondiale dei Giovani, è iniziata ufficialmente martedì, ma molti sono arrivati già la settimana prima, e si concluderà questa domenica, anche se molti gruppi rimarranno ancora qualche giorno. Si contano più di un milione di pellegrini e, sebbene non sia un numero così “grande” rispetto alle altre GMG (ogni record è stato battuto da Manila con 5 milioni di pellegrini, seguita da Rio de Janeiro, 3 milioni, e da Roma, 2 milioni e mezzo), per la città si presenta come un record inimmaginabile,contando che Cracovia ha poco più di 700 mila abitanti; questo vuol dire che ci saranno più pellegrini che Cracoviani!
Molti di questi sono stati ospitati nelle famiglie polacche, altri hanno dormito nelle scuole o nelle palestre, ma i più comodi sono stati senza dubbio coloro che si sono rivolti al nostro tour operator incoming  TOURISMIDEA. 720 persone della GMG sono state accolte e smistate fra i nostri numerosi appartamenti presenti per tutta Cracovia, in cui hanno trovato tutto il necessario e anche di più!
Il programma è il classico di ogni GMG. Martedì c’è stata la Messa di apertura guidata dal Vescovo di Cracovia. In questo modo l’inaugurazione ha sottolineato l’importanza e il carattere internazionale di questo evento. Tutte le celebrazioni sono state fatte in tre lingue: polacco, inglese e soprattutto italiano.

003

Discorso del Papa ai giovani

Mercoledì il Papa è arrivato di pomeriggio e ha incontrato il presidente della repubblica di Polonia (Andrzej Duda), i funzionari statali ed i vescovi polacchi. La sera il papa ha tenuto il suo primo discorso dalla Finestra Papale nell’edificio della curia metropolitana a Cracovia a 500 metri dal centro rivolgendosi direttamente ai giovani, rispettando la tradizione di Giovanni Paolo II nei suoi viaggi a Cracovia. Il suo augurio è che ognuno di essi possa trovare il proprio posto nel mondo, ha poi rivolto una preghiera a tutti quei poveri che si sentono soli e abbandonati chiedendo a tutti noi di fare un piccolo sacrificio per aiutare questa povera gente. Questo è stato il primo incontro del Papa con i pellegrini della GMG.

Giovedì il Santo Padre ha compiuto un pellegrinaggio al santuario di Jasna Gòra a Częstochowa, dove ha tenuto la messa di fronte a ben 300.000 pellegrini. Papa Francesco ha avuto anche un piccolo incidente perchè è inciampato durante la celebrazione vicino all’altare ma non è successo nulla di grave, anzi il Pontefice l’ha presa sul ridere dicendo “L’importante non è non cadere, ma non restare a terra e sapersi rialzare dopo la caduta“. Dopo aver pranzato all’episcopio il Papa ha ricevuto le chiavi dal sindaco ed è risalito fino al parco di Blonia alle 17:30 per incontrare i giovani di tutto il mondo venuti in occasione della GMG. Si contano più di mezzo milione di giovani da 178 paesi diversi e circa 1000 vescovi. Di nuovo il Papa ha rivolto il suo discorso direttamente ai giovani, invitandoli a non lasciare la spugna prima di aver iniziato la partita e di non cadere ai venditori di “false illusioni”. Ha concluso il discorso incitando i giovani a partire per l’avventura; a costruire ponti e abbattere i muri, di ascoltare coloro che non comprendiamo semplicemente perché sono di un’altra cultura o perché abbiamo paura che ci facciano del male.

Venerdì invece c’è stata la via Crucis, svolta sempre nel parco Blonia, il cui percorso stabilito passava per 14 stazioni, ognuna delle quali dedicata a un’opera di misericordia spirituale o corporale.

001

Volontari della GMG

Arriviamo a sabato, il giorno in cui probabilmente si è svolta l’attività più importante della GMG: la veglia col Papa. Tutti i pellegrini si sono spostati al Campus Misericordiae, a 16 kilometri da Cracovia. Il pomeriggio si sono esibite varie band provenienti da tutto il mondo ( dall’Italia sono venuti il trio “il volo”) e la sera è arrivato Papa Francesco per la veglia. L’atmosfera che si respirava era unica: bandiere che sventolavano, canti in tutte le lingue, persone sorridenti e felici. Sembrava che fossero tutti fratelli, come se tra i loro paesi non ci fossero mai stati chilometri di distanza, come se i confini non fossero mai esistiti. Quasi sicuramente si è superato il milione previsto dai dati, arrivando addirittura a due milioni e mezzo. I pellegrini hanno dormito all’aperto nel parco e il giorno dopo (domenica) si è tenuto l’ultimo incontro della GMG: la Santa Messa. Questo è stato il momento conclusivo della GMG dopo il quale il Papa ha annunciato il luogo della prossima Giornata dei Giovani, preparate le valige e comprate i biglietti per Panama!